facebook

Trattamento della sclerosi multipla con cellule staminali

Cos’è la sclerosi multipla?

La sclerosi multipla (SM) è la malattia demielinizzante più comune e colpisce cervello, midollo spinale e nervo ottico. Nella sclerosi multipla, il sistema immunitario attacca la mielina, la guaina che circonda le fibre nervose: questo processo danneggia i nervi, provocando la comparsa di cicatrici e placche. Di conseguenza, la trasmissione degli impulsi nervosi e la comunicazione cellulare sono compromesse e si verificano inoltre problemi legati ai movimenti muscolari, all’equilibrio, alla fonazione e alla vista.

I pazienti affetti da sclerosi multipla si ritrovano costretti a cambiare vari farmaci per far fronte a tutte le loro necessità: gli steroidi o i farmaci in grado di modificare il decorso della malattia mirano a curare sintomi specifici ma spesso non vi riescono completamente e non possono risolvere tutti i problemi. Un altro aspetto critico sono gli effetti collaterali dei farmaci, che spesso dissuadono i pazienti dall’iniziare la terapia. Per questo motivo, molte persone scelgono metodi alternativi quali il trattamento con cellule staminali per la sclerosi multipla.

Quale fascia di età è tipicamente colpita dalla sclerosi multipla?

La sclerosi multipla viene diagnosticata più spesso nella fascia di età compresa tra i 20 e i 40 anni, ma sono possibili anche i casi in cui esordisce in età pediatrica (quindi prima dei 18 anni) o nell’età adulta avanzata (dopo i 55 anni). Negli adulti con sclerosi multipla, le cellule staminali possono rivelarsi la modalità per riguadagnare una buona qualità della vita.

Che cosa causa la sclerosi multipla?

Non è ancora certo ciò che causa la SM: a oggi i ricercatori pensano che il danno alla mielina derivi da una reazione anomala del sistema immunitario, che in situazioni normali ha il ruolo di difendere l’organismo da virus o batteri. Per questo è definita una malattia autoimmune, in quanto è l’organismo ad attaccare per errore i suoi stessi tessuti, nello specifico la mielina.

I motivi per cui il sistema immunitario aggredisce la mielina sono ancora sconosciuti ma, probabilmente, ci sono diverse cause, ad esempio la predisposizione genetica e dei fattori ambientali scatenanti. Se una persona è predisposta, anche infezioni virali (comprese quelle asintomatiche e in età giovanile) sembrano avere un ruolo importante. Il legame tra cellule staminali e sclerosi multipla sta però giocando un ruolo importantissimo per chi soffre di questa malattia.

Come agiscono le cellule staminali sulla sclerosi multipla?

Alcuni studi hanno dimostrato che questo tipo di cellule è in grado di riparare e ricostruire la mielina all’interno del sistema nervoso (nel caso di infusione intratecale). Quando l’azione delle cellule staminali mesenchimali sulla sclerosi multipla (CSM) arriva nel corpo, trova le zone danneggiate e le ripara, creando al contempo nuove cellule sane. Nei pazienti affetti da sclerosi multipla le cellule staminali ripristinano la mielina, con conseguente rinnovamento del sistema nervoso del paziente e riduzione dei sintomi.

Cos’è la terapia con cellule staminali per la sclerosi multipla?

Fino a poco tempo fa, si credeva che i tessuti cerebrali danneggiati non potessero essere riparati e portassero a sintomi permanenti e irreversibili. Tuttavia, le ultime novità di cellule staminali e sclerosi multipla alcuni studi medici hanno dimostrato la possibilità della rigenerazione delle cellule e di miglioramenti nelle funzioni neurologiche, testimoniando la relazione fra cellule staminali e sclerosi multipla.

La terapia cellulare con CSM provoca la sostituzione delle cellule danneggiate e il ripristino delle funzioni cerebrali: sempre più report dimostrano che le cellule staminali adulte possiedono la capacità di stimolare la generazione di nuovi neuroni, oligodendrociti e astrociti.

Un trial clinico ha dimostrato che il protocollo di trattamento con prodotti con cellule staminali era sicuro e poteva migliorare la vita del paziente. Inoltre, era ben tollerato dai pazienti.

La medicina rigenerativa usata come metodo di trattamento della sclerosi multipla dà speranze di un recupero parziale, con un miglioramento dei sintomi osservati in praticamente tutti i casi.

Risultati clinici: quali miglioramenti si riscontrano nei pazienti?

I risultati clinici del trattamento della sclerosi multipla con cellule staminali:

  • Stimola la formazione di nuovi vasi sanguigni nel sistema nervoso centrale.
  • Rinforza gli arti e i muscoli.
  • Migliora l’equilibrio, aumenta la resistenza del paziente e consente di camminare più a lungo.
  • Scompare l’intorpidimento degli arti.
  • Diminuisce la gravità della spasticità (spasmi e altri problemi muscolari).
  • Riduce la stanchezza e aumenta il livello di energia del paziente.
  • Migliora le funzioni endoteliali e favorisce la rigenerazione di organi e tessuti.
  • Migliora la qualità della vita del paziente.

Contattaci

Richiedete una consulenza online gratuita per sapere quali risultati potete aspettarvi dalla relazione fra cellule staminali e sclerosi multipla.

Dr. Aleksandra Fetyukhina
Dr. Aleksandra Fetyukhina, MD

Medical Advisor, Swiss Medica doctor


Risultati del trattamento sui pazienti Swiss Medica

Sclerosi multipla in forma recidivante-remittente

“Mi sembra di avere di nuovo 50 anni. Sono migliorato dell’80% dal ricovero. Mi ha cambiato la vita.”

Trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente

“Mi hanno restituito la vita. Ora sono migliorato al 100% rispetto all’anno scorso. Posso andare a piedi a scuola con mio figlio. Posso fare cose che prima non potevo fare. Adesso faccio 22 vasche due volte la settimana. Mi sento energico, sono entusiasta.”

Trattamento della sclerosi multipla

“Già oggi mi sento molto meglio a livello fisico e mentale. Una possibilità in più per guarire.”

Per altre testimonianze di pazienti che trattano la sclerosi multipla con cellule staminali, visita il nostro canale YouTube.

Nonostante le proprietà curative, l’efficacia del trattamento non è garantita. Essa dipende da diversi fattori: condizioni iniziali, durata della malattia, età del paziente, predisposizione genetica, stile di vita, etc. Inoltre, in alcuni casi il solo uso di cellule staminali può non essere sufficiente. La terapia cellulare è più efficace laddove combinata ad altre terapie che aiutano ad attivare il processo di riparazione dei tessuti.

Trattamento della sclerosi multipla con cellule staminali: la procedura

La terapia cellulare più frequente da Swiss Medica si basa sulle cellule stromali mesenchimali multipotenti (CSM). Durante la terapia, il paziente riceve decine di milioni di queste cellule. La quantità di cellule ripristinate non soltanto compensa le perdite quotidiane, ma le supera di migliaia di volte, con un rinnovamento corrispondente a quello di 10-15 anni e, di conseguenza, si assiste ad un miglioramento dei sintomi. Il corpo e gli organi sono più sani e ringiovaniti per la presenza di nuove cellule attive che hanno sostituito quelle vecchie e danneggiate.

Il trattamento della sclerosi multipla con cellule staminali del paziente stesso (autologhe) si compone di quattro procedure principali. La prima è il campionamento: il grasso o il midollo spinale vengono estratti tramite un processo semplice; la seconda è la separazione: le cellule staminali sono separate in una centrifuga; la terza è l’attivazione: le cellule del paziente vengono fotoattivate; la quarta è il trattamento: le cellule vengono immesse nel corpo per via endovenosa o tramite altro metodo di somministrazione.

Nel caso di tessuti donati, i prodotti cellulari sono già preparati e possono essere introdotti immediatamente senza prelievo e senza aspettare la preparazione delle cellule.

Indicazioni e controindicazioni della terapia cellulare

A causa dei suoi benefici, il trapianto di cellule staminali per sclerosi multipla può essere efficace in caso di assenza o insufficienza degli effetti della terapia principale e in presenza di effetti collaterali di farmaci.

Controindicazioni:

  • precedenti esperienze negative con prodotti cellulari;
  • qualsiasi tipo di cancro o precancerosi;
  • malattie molto gravi o terminali;
  • malattie infettive in fase acuta;
  • ictus o attacco ischemico transitorio nei tre mesi precedenti;
  • variazioni di alcuni indicatori negli esami del sangue;
  • gravidanza e allattamento;
  • disturbi mentali e dipendenze;
  • controindicazioni all’anestesia e/o rischio elevato di emorragie e/o processi patologici nell’area della biopsia (non esclude la possibilità di utilizzare prodotti cellulari del donatore), e altre.

Contattaci

Richiedete una consulenza online gratuita di un consulente medico per scoprire se le cellule staminali sarebbero efficaci su di voi.

Dr. Aleksandra Fetyukhina
Dr. Aleksandra Fetyukhina, MD

Medical Advisor, Swiss Medica doctor


Sicurezza & effetti collaterali

La procedura della terapia con cellule staminali per sclerosi multipla è molto rapida e semplice e non richiede anestesia totale. Nella maggior parte dei casi non vi sono effetti collaterali anche se talvolta vi può essere febbre di breve durata a causa di una reazione individuale del corpo, ma in non più del 2% dei casi e passa da sé senza lasciare conseguenze negative sulla salute del paziente.

Il trapianto di cellule staminali per sclerosi multipla non causa reazioni allergiche e immunologiche (a causa del privilegio immunologico delle CSM). È stata dimostrata una buona tollerabilità della terapia.

Cosa include il trattamento

La preparazione al trattamento richiede di raccogliere i referti medici del paziente per elaborare un programma personalizzato. Oltre alla somministrazione delle cellule staminali, ci serviamo di terapie aggiuntive opzionali quali:

  • Terapia di riabilitazione con gas xenon (procedura di inalazione);
  • Terapia cerebrale tramite stimolazione magnetica;
  • Terapia combinata Ozono-Laser;
  • Stimolazione cerebrale transcranica;
  • Neuroriabilitazione.

Queste terapie contribuiscono ad attivare i processi di rigenerazione, recuperare mobilità e ridurre i sintomi: ciò determina molteplici e benefici effetti per l’intero organismo.

Mettiamo inoltre a vostra disposizione consulenze mediche (specialisti in neurologia, neuroriabilitazione, psicologia, nutrizione e fanno parte delle ultime novità di cellule staminali e sclerosi multipla.

Video Q&A sull’uso delle cellule staminali per la sclerosi multipla

Ecco un video tratto dalla sessione di Q&A con la Dott.ssa Alexandra, specialista della medicina rigenerativa e medico di Swiss Medica. Parliamo di un approccio terapeutico basato sulla somministrazione di prodotti cellulari a pazienti affetti da sclerosi multipla. Guarda il video per saperne di più:

  • Qual è il ruolo delle cellule staminali nella sclerosi multipla e come aiutano a combattere i sintomi?
  • Qual è la percentuale di successo del trattamento e da cosa dipende?
  • Quali terapie aggiuntive sono utilizzate per aumentare l’efficacia del trattamento?
  • Come avviene la procedura? È dolorosa?
  • Quali sono i miglioramenti attesi dalla terapia con cellule staminali per la sclerosi multipla?

Costo della terapia con cellule staminali per la sclerosi multipla

Il costo della terapia con cellule staminali per la sclerosi multipla varia a seconda della clinica in cui si sceglie di essere seguiti e dalla durata del trattamento. Per un preventivo più dettagliato e personalizzato è consigliabile contattare direttamente la clinica.

Contattaci

Richiedete una consulenza online gratuita con un consulente medico per scoprire se le cellule staminali sarebbero efficaci su di voi.

Dr. Aleksandra Fetyukhina
Dr. Aleksandra Fetyukhina, MD

Medical Advisor, Swiss Medica doctor


Riferimenti bibliografici:

  1. Donor mesenchymal stem cell-derived neural-like cells transdifferentiate into myelin-forming cells and promote axon regeneration in rat spinal cord transection. Xue-Cheng Qiu, Hui Jin, Rong-Yi Zhang, Ying Ding, Xiang Zeng, Bi-Qin Lai, Eng-Ang Ling, Jin-Lang Wu, and Yuan-Shan Zeng. Stem Cell Research & Therapy. 2015; 6(1): 105.

  2. Mesenchymal stem cells and conditioned media in the treatment of multiple sclerosis patients: Clinical, ophthalmological and radiological assessments of safety and efficacy. Said Dahbour, Fatima Jamali, Dana Alhattab, Ali Al‐Radaideh, Osama Ababneh, Nosaiba Al‐Ryalat, Muawyeh Al‐Bdour, Bayan Hourani, Mohammed Msallam, Murad Rasheed, Ammar Huneiti, Yacoub Bahou, Emad Tarawneh, and Abdalla Awidi corresponding author. CNS Neurosci Ther. 2017 Nov; 23(11): 866–874.

  3. Sustained remission in multiple sclerosis after hematopoietic stem cell transplantation. Tolf A., Fagius J., Carlson K., Akerfeldt T., Granberg T., Larsson E.M., Burman J. Acta Neurol Scand. 2019 Jul 12.

More sources

Potrebbe interessarti anche

Articolo
Video

We use cookies on our site to ensure that we give you the best browsing experience. By continuing to browse the site, you agree to this use. For more information on how we use cookies, see our Cookie Policy and Privacy Policy.

Got it