Pivotal Response Treatment (PRT) e disturbo dello spettro autistico

L’autismo, o disturbo dello spettro autistico (Autism Spectrum Disorder – ASD), è un disturbo dello sviluppo spesso riscontrato nei bambini. Questa condizione colpisce principalmente le abilità comunicative e sociali di una persona. Tuttavia, ci sono altri sintomi che possono accompagnare la condizione. L’autismo viene gestito con terapie comportamentali e farmaci, ma non esiste ancora una cura.

Ci sono più modelli di terapia comportamentale impiegati nel trattamento dell’autismo. Uno di questi è il pivotal response treatment (PRT). Questo è un metodo di trattamento che si rivolge alle regioni cardine dello sviluppo dei bambini. Questo trattamento si basa sul gioco e si rivolge a bambini di età compresa tra i 2 e i 6 anni.

Per molti pazienti, la terapia dell’autismo con il pivotal response treatment è un’opzione promettente. Per questo motivo, è importante conoscere il PRT, la sua procedura e quanto è efficace per il trattamento dell’autismo. Contribuisce a migliorare i comportamenti cardine di questi pazienti.

Questo articolo parlerà della terapia PRT dell’autismo. Discuterà anche del suo meccanismo, la procedura abituale e l’efficacia del trattamento.

Cos’è il pivotal response training per l’autismo?

Il pivotal response treatment, o PRT, è un metodo di trattamento comportamentale per l’autismo basato sul gioco. Il nome precedente di questa terapia era il paradigma del linguaggio naturale. È stato sviluppato dai dottori Robert e Lynn Koegel negli anni ‘80.

Ciò che rende la terapia PRT dell’autismo leggermente diversa dalle altre forme è il fatto che il bambino è destinato a iniziare il gioco. Anche se la pivotal response therapy è destinata a bambini di età compresa tra i 2 e i 6 anni, può essere adattata a pazienti autistici più grandi. 

L’approccio del pivotal response training, che si fonda sull’iniziativa del bambino, contribuisce a migliorare i principali sintomi dell’ASD. Mira a migliorare il comportamento di un bambino in quattro aree di comportamento cardine anziché in tratti individuali. Queste sono:

  • Motivazione
  • Autogestione
  • Reattività a molteplici spunti
  • Iniziazioni sociali

I deficit sociali e comunicativi nell’autismo rendono queste aree importanti per il miglioramento. Questo consente benefici diffusi, fornendo un tasso di miglioramento più incoraggiante.

Qual è l’idea dietro il pivotal response treatment (PRT)?

Il pivotal response treatment per l’autismo si basa sulle sfaccettature dell’analisi comportamentale applicata (ABA). Si tratta di una serie di strategie efficaci utilizzate per insegnare o modificare il comportamento dei pazienti autistici.

La terapia PRT si rivolge a quattro aspetti principali del comportamento nei bambini autistici. Questi aspetti sono considerati fondamentali a causa della loro importanza in futuro. La terapia PRT dell’autismo premia i bambini che prendono l’iniziativa durante il gioco o le interazioni. Questo è l’aspetto centrale, che ha un impatto su queste regioni di comportamento cardine.

La motivazione è centrale per gli altri comportamenti presi di mira nel pivotal response treatment. Un’infografica mostra le regioni di comportamento cardine che vengono affrontate durante la terapia.

Influenza le regioni cardine qui sotto. L’interesse naturale del bambino viene usato per rinforzare il comportamento in queste regioni. L’idea è che queste regioni formino una base per abilità sociali e comunicative avanzate.

  1. Motivazione. I bambini devono trovare la motivazione portando a termine i compiti e facendo delle scelte. La ricompensa successiva aiuta a mantenere il comportamento auto-motivante. L’aumento della motivazione ha un impatto sugli altri comportamenti cardine.
  2. Autogestione. Vengono fissati degli obiettivi per il bambino che riceve la terapia PRT per l’autismo. Gli viene dato un certo grado di indipendenza per imparare e portare a termine questi compiti da solo.
  3. Reattività a molteplici spunti. I bambini autistici possono avere difficoltà ad obbedire a diverse istruzioni per la stessa azione. Il PRT mira a migliorare questo aspetto fornendo molteplici suggerimenti per l’obiettivo.
  4. Iniziazioni sociali. È quando i bambini mostrano una naturale curiosità facendo domande sui loro obiettivi.

Qual è un tipico programma di terapia PRT?

Come la maggior parte dei trattamenti per l’autismo, un programma di terapia PRT per l’autismo viene sviluppato dopo una valutazione del bambino. In questo modo, si rivolgerà alle sue aree carenti più che ad altre, e sfrutterà i suoi interessi. È anche essenziale coinvolgere un terapeuta che ha ricevuto un addestramento al pivotal response treatment.

Una tipica sessione di terapia PRT comprende sei sezioni principali. Si tratta di sessioni separate strutturate e non strutturate di gioco, socializzazione e linguaggio. Queste sessioni non rimangono statiche per tutto il programma. Fanno uso di valutazioni continue per essere rilevanti man mano che il bambino fa progressi.

Il pivotal response treatment si basa sul gioco. Le specifiche del trattamento cambiano a seconda dei progressi dei bambini.

Il PRT, pivotal response treatment, può svolgersi in un certo numero di ambienti. Questi possono includere una classe o una casa. Gli ambienti in cui il bambino si trova regolarmente e naturalmente sono i migliori. La terapia dell’autismo con il pivotal response treatment può essere fornita da diversi professionisti. Alcuni esempi sono gli insegnanti di sostegno, gli psicologi e i terapisti. Possono essere coinvolti anche i membri della famiglia.

Di solito, bisognerebbe dedicare a un programma più di 25 ore alla settimana. Coloro che sono vicini al bambino, come fratelli e genitori, dovrebbero tentare di usare le tecniche PRT nella vita quotidiana. Questo permette miglioramenti nei comportamenti cardine, specialmente in combinazione con altre tecniche da eseguire a casa.

Cosa prevede il pivotal response treatment (PRT)?

Quando lavori con il bambino, in qualità di educatore, terapista o genitore, la PRT segue tre fasi principali per sessione.

Definizione degli obiettivi

Il primo passo consiste nello stabilire un obiettivo da raggiungere. Non esiste un elenco di obiettivi prestabiliti tra cui scegliere. Questi devono essere sviluppati in base agli interessi personali del bambino.

Per esempio, se l’obiettivo è incoraggiare la ripetizione di una frase, è meglio adattarlo ai gusti del bambino. Per esempio, potrebbe essere dire “voglio la macchinina” se al bambino piace giocare con questi giocattoli.

Raggiungimento in base agli interessi

Grazie all’interesse del bambino per le macchinine, aumenta la probabilità che il bambino si impegni. Questa tecnica può essere modificata per adattarsi anche ad altri interessi. Potrebbe essere lanciare una palla o fare un disegno. Se si può stabilire un obiettivo, per il bambino è più facile raggiungerlo in base ai suoi interessi.

Ricompense

Fintanto che il bambino fa uno sforzo per raggiungere l’obiettivo, dovrebbe essere premiato. Non è necessario che abbia successo al primo tentativo. Il processo continuerà a migliorare la sua socializzazione e comunicazione. Inoltre, le ricompense dovrebbero essere adattate ai suoi interessi.

La struttura e la definizione di una sessione formale di PRT sono relativamente semplici. Tuttavia, trattare i bambini autistici richiede molta pazienza. Di conseguenza, ci si deve aspettare di dover utilizzare la pivotal response therapy per anni.

La PRT per l’autismo è efficace?

Tra le tante terapie comportamentali disponibili per l’ASD, la pivotal response therapy è una delle più efficaci. Sono stati condotti molti studi indipendenti per corroborare la sua efficacia.

Per esempio, nel 2021, uno studio di 12 settimane ha dimostrato l’efficacia della PRT nel migliorare le abilità linguistiche. Un altro studio del 2021 ha confermato gli effetti positivi della PRT sul linguaggio. Inoltre, ha dimostrato un’alta efficacia nel promuovere l’atto di fare domande nei bambini con ASD.

La pivotal response therapy si è rivelata efficace nei bambini con ASD.

Nel 2016, è stata effettuata una meta-analisi di 34 articoli sulla pivotal response therapy. Questa analisi ha mostrato che quando la PRT si è concentrata su due caratteristiche principali dell’ASD, si è registrato un miglioramento. Un altro studio ha confrontato la PRT con un trattamento regolare per l’autismo. Questo ha dimostrato un miglioramento in una scala diagnostica dell’autismo dopo sei mesi di PRT.

Come aumentare gli effetti del PRT

Quando si sviluppa un piano di trattamento personalizzato per il paziente, questo assicura la massima efficacia nel raggiungimento dei miglioramenti. Altre forme di terapia comportamentale, così come i farmaci, possono essere combinate. Questo permetterà un approccio sfaccettato per fornire il miglior risultato del trattamento.

Insieme al pivotal response treatment, i pazienti possono anche ricevere la terapia con le cellule staminali per l’autismo durante la permanenza presso la Clinica. È stato dimostrato che il trattamento con le cellule staminali per l’autismo ha dei benefici sui pazienti. Tuttavia, il miglioramento non è garantito, né il trattamento è una panacea per l’autismo. Ciascun paziente dovrebbe richiedere un consulto personale per determinare le sue possibilità di successo grazie al trattamento a base di cellule staminali. Puoi contattare il nostro consulente medico per scoprire i benefici della terapia con le cellule staminali nella gestione dell’autismo.

Richiedi un consulto online gratuito

Contattaci per sapere come la terapia con le cellule staminali può migliorare i sintomi, se sei un candidato ideale per il trattamento e cosa comprende.

Dr. Aleksandra Fetyukhina, MD

Medical Advisor, Swiss Medica doctor


Riferimenti bibliografici:

  1. “A natural language teaching paradigm for nonverbal autistic children.” R. L. Koegel, M. C. O’Dell, L. K. Koegel. J Autism Dev Disord. 1987 Jun;17(2):187-200. doi: 10.1007/BF01495055.

  2. “Language Improvement Following Pivotal Response Treatment for Children With Developmental Disorders.” Jessica M. Schwartzman, Kristen Strong, Christina M. Ardel, Rachel K. Schuck, M. Estefania Millan, Jennifer M. Phillips, Antonio Y. Hardan, Grace W. Gengoux. Am J Intellect Dev Disabil. 2021 Jan 1;126(1):45-57. doi: 10.1352/1944-7558-126.1.45.

  3. “The Efficacy of Pivotal Response Treatment in Teaching Question-Asking Initiations to Young Turkish Children with Autism Spectrum Disorder.” Gulden Bozkus-Genc, Serife Yucesoy-Ozkan. J Autism Dev Disord. 2021 Nov;51(11):3868-3886. doi: 10.1007/s10803-020-04848-y.

  4. “Meta-Analysis of Pivotal Response Training for Children with Autism Spectrum Disorder.” Bozkus-Genc, Gulden, and Serife Yucesoy-Ozkan. Education and Training in Autism and Developmental Disabilities, 51, no. 1 (2016): 13–26. https://www.jstor.org/stable/26420361.

  5. “The Effect of Pivotal Response Treatment in Children with Autism Spectrum Disorders: A Non-randomized Study with a Blinded Outcome Measure.” E. A. Duifhuis, J. C. den Boer, A. Doornbos, J. K. Buitelaar, I. J. Oosterling, and H. Klip. J Autism Dev Disord. 2017; 47(2): 231–242. doi: 10.1007/s10803-016-2916-0.

  6. “Stem cell therapy in autism: recent insights.” Dario Siniscalco, Suresh Kannan, Neomar Semprún-Hernández, Adrien A Eshraghi, Anna Lisa Brigida, and Nicola Antonucci. Stem Cells Cloning. 2018; 11: 55–67. doi: 10.2147/SCCAA.S155410.

More sources

Potrebbe interessarti anche

Articolo
Video

We use cookies on our site to ensure that we give you the best browsing experience. By continuing to browse the site, you agree to this use. For more information on how we use cookies, see our Cookie Policy and Privacy Policy.

Got it