Terapia con cellule staminali per la gotta

La gotta è una forma di artrite infiammatoria che causa forte dolore, arrossamento, sensazione di calore e gonfiore dell’articolazione. Il più delle volte, la malattia colpisce solo un’articolazione (di solito quella dell’alluce o del ginocchio).

Il trattamento con cellule staminali per la gotta aiuta ad evitare un attacco di gotta.

Il meccanismo di sviluppo della gotta è associato al deposito di cristalli di urato monosodico (MSU) nelle articolazioni sinoviali. Questo accumulo si verifica a causa del metabolismo disfunzionale dell’acido urico nel corpo. Solitamente, l’acido urico si dissolve nel sangue e viene espulso dai reni (e in misura minore dall’intestino). Tuttavia, a volte i reni non riescono a far fronte alla quantità di acido urico prodotto, per cui si formano piccoli cristalli di questa sostanza che si depositano nelle grandi articolazioni degli arti inferiori o, meno spesso, di quelli superiori.

Di solito un attacco di gotta (artrite gottosa) inizia improvvisamente e ha effetti negativi significativi sulla vita quotidiana. Per esempio, il paziente non può camminare a causa del dolore alla gamba, o non può svolgere attività quotidiane a causa della mobilità limitata del braccio. 

Il trattamento tipico della gotta mira a ridurre i sintomi, ma non previene un altro attacco della malattia in futuro. Inoltre, non migliora il metabolismo alla radice della malattia. Al contrario, quando si applicano le cellule staminali per il trattamento della gotta, diventa possibile ottenere un risultato più completo, compresa l’eliminazione dei sintomi, il miglioramento del metabolismo e la normalizzazione della pressione sanguigna

Leggi questo articolo per sapere come può essere trattata la gotta, cosa comporta la terapia con cellule staminali per la gotta e quali sono i suoi vantaggi rispetto al trattamento convenzionale. Puoi anche contattarci per scoprire se la terapia con cellule staminali può essere efficace nel tuo caso.

Richiedi un consulto online gratuito

Contattaci per conoscere i risultati previsti del trattamento, il suo costo e la sua durata.

Dr. Aleksandra Fetyukhina, MD

Medical Advisor, Swiss Medica doctor


Come si cura la gotta?

Il trattamento convenzionale della gotta prevede l’assunzione di due tipi di farmaci per controllare l’iperuricemia:

1. Diminuendo la formazione di acido urico in eccesso (farmaci che abbassano i livelli di acido urico nel sangue);

2. Aumentando la sua escrezione dal corpo (farmaci uricosurici).

Questo trattamento aiuta a sciogliere i depositi di cristalli di urato di sodio nelle articolazioni stesse, così come nei tessuti circostanti (tofo).

Tuttavia, gli svantaggi di questo trattamento comprendono la presenza di effetti collaterali dei farmaci prescritti. In particolare, c’è un rischio maggiore di malattie cardiovascolari e di mortalità correlata quando si assumono febuxostat e allopurinolo. Inoltre, i farmaci uricosurici possono potenzialmente peggiorare il rischio di calcoli renali (urolitiasi).

Inoltre, l’effetto terapeutico è spesso reversibile. Anche se l’attacco di gotta viene fermato con l’aiuto di questi farmaci, il metabolismo del paziente non è migliorato e non riesce ancora a far fronte alla completa escrezione dell’acido urico dal corpo. Dopo il trattamento, possono formarsi nuovamente i cristalli, causando un altro attacco di gotta. Accumulandosi negli anni, gli impatti negativi della malattia possono portare allo sviluppo di effetti a lungo termine, tra cui danni al tessuto osseo e sindromi da compressione nervosa.

I farmaci antinfiammatori, prescritti anche come parte del trattamento della gotta, aiutano ad alleviare le sensazioni dolorose e a ridurre il gonfiore. Tuttavia, possono anche avere effetti collaterali, come l’aumento della pressione sanguigna, dolore addominale e problemi digestivi.

Altre raccomandazioni per i pazienti con la gotta sono la perdita di peso e il controllo della pressione sanguigna. Inoltre, si ritiene che l’adozione di una dieta a basso contenuto di purine sia un’aggiunta importante al trattamento della gotta.

Gotta e nutrizione

C’è un collegamento diretto tra la gotta e l’alimentazione. Alcuni alimenti contengono concentrazioni più elevate di purine, composti organici che vengono metabolizzati in acido urico. Riducendo il consumo di questi alimenti, i pazienti predisposti alla gotta possono evitare un aumento del livello di acido urico nel sangue (iperuricemia). 

Gli alimenti ad alto contenuto di urina includono:

  • carne, specialmente brodi e carne da organi;
  • pesce (soprattutto acciughe, sardine e tonno);
  • legumi (soia, lenticchie, piselli);
  • varietà di cavoli (cavolini di Bruxelles, broccoli, cavolo bianco, cavolfiore);
  • alcune noci e semi (semi di papavero, girasole, arachidi);
  • alcuni cereali (grano saraceno, farina d’avena, miglio, orzo);
  • bevande alcoliche;
  • tè forte, cacao, caffè.

Cellule staminali nel trattamento della gotta. Chi ne può trarre beneficio?

Per alcuni pazienti, seguire una dieta a basso contenuto di purina e assumere farmaci per abbassare l’urato e/o uricosurici, insieme a farmaci antinfiammatori, è un trattamento sufficiente per la gotta. Con questo trattamento, i sintomi vengono rimossi in 1-2 settimane, mentre la dieta aiuta a mantenere un livello normale di acido urico nel corpo per evitare attacchi futuri.

I cristalli di acido urico intaccano soprattutto le grandi articolazioni degli arti inferiori.

Tuttavia, alcuni pazienti possono non trovare sollievo dal trattamento tipico descritto sopra. Si tratta di casi in cui:

  1. c’è una predisposizione genetica;
  2. ci sono complicazioni (pressione alta, diabete, funzione renale compromessa);
  3. la durata della malattia è di circa 10 anni o più, e gli attacchi di gotta si verificano 3 o più volte all’anno;
  4. un paziente soffre di effetti collaterali o intolleranza ai farmaci abituali per la gotta;
  5. un paziente deve affrontare un intervento di sostituzione dell’articolazione e vuole evitarlo.

In questi casi, si raccomanda la terapia con cellule staminali perché prolunga l’effetto del trattamento e può prevenire un nuovo attacco di gotta. 

Come funzionano le cellule staminali nei pazienti con la gotta?

Le cellule staminali sono tipi speciali di cellule che sono presenti nel corpo dalla nascita e sono responsabili dell’auto-rinnovamento dei tessuti del corpo. Il loro numero diminuisce man mano che si invecchia: questo porta all’invecchiamento e allo sviluppo di malattie. Gli scienziati hanno imparato a sfruttare queste cellule per migliorare la capacità del corpo di riprendersi da diverse malattie e condizioni di salute.

Le cellule staminali hanno una comprovata capacità di alleviare l’infiammazione e regolare il sistema immunitario del paziente. Inoltre, le cellule staminali sono note per le loro proprietà rigenerative. Una volta nel corpo, grazie a speciali fattori chemiotattici, si spostano nella zona danneggiata, dove svolgono il loro lavoro per ripristinare i tessuti proteggendo le cellule indebolite e stimolando la formazione di nuove cellule. 

Nella gotta, questo avviene sia nell’area dell’articolazione colpita che in altri organi e sistemi del corpo del paziente in cui è richiesta la “riparazione”. Quindi, sebbene i farmaci contro la gotta siano spesso utili ma possano causare reazioni avverse, le cellule staminali hanno un effetto benefico sulla salute generale, portando a un recupero naturale.

Possibili risultati della terapia

I pazienti che si sono sottoposti alla terapia con cellule staminali per la gotta riportano i seguenti effetti benefici:

  • riduzione del dolore e dell’infiammazione, già nei primi giorni dopo la procedura di iniezione delle cellule staminali;
  • miglioramento della mobilità dell’articolazione colpita;
  • miglioramenti nei risultati dei test medici;
  • normalizzazione della pressione sanguigna;
  • miglioramento della qualità dei tessuti articolari e circostanti (a lungo termine);
  • aumento del livello di energia.

Secondo i dati della nostra clinica, la terapia con cellule staminali porta a risultati positivi fino all’80% dei casi di pazienti con vari tipi di artrite.

Cosa comporta la terapia con cellule staminali?

Nella terapia con cellule staminali per la gotta, i nostri pazienti ricevono cellule staminali proprie (autologhe) o donate (allogeniche). Usiamo solo cellule staminali mesenchimali (MSC) da tessuti umani adulti, come grasso, midollo osseo o placenta. Secondo il piano di trattamento personale, se necessario, vengono applicati anche altri prodotti a base di cellule. Questi possono includere una frazione vascolare stromale (SVF).

Terapia con cellule staminali per la gotta. Laboratorio di Swiss Medica.

Prima della somministrazione di cellule staminali è necessaria una diagnosi. Nella clinica si eseguono esami del sangue e delle urine, ecografia, ECG e altri test.

Solitamente il trattamento dura da alcuni giorni a due settimane, a seconda della gravità della malattia, della presenza di patologie concomitanti, dei desideri del paziente e dei risultati attesi della terapia.

La procedura

Dopo aver valutato il caso del paziente, viene preparata una dose terapeutica di cellule. Le cellule vengono somministrate per via endovenosa tramite flebo, ma anche localmente nell’articolazione danneggiata. La procedura può essere ripetuta per migliorare il risultato del trattamento.

È dolorosa?

La procedura di somministrazione delle cellule staminali per via endovenosa è identica a quella di una tipica flebo e non provoca alcun dolore. E per quanto riguarda le iniezioni locali nell’area dell’articolazione colpita? Queste possono essere piuttosto dolorose, motivo per cui ricorriamo all’anestesia locale, che permette di eseguire la procedura con il massimo comfort per il paziente.

Terapie aggiuntive

Per potenziare le capacità di guarigione delle cellule staminali iniettate e consolidare il risultato del trattamento, presso la clinica possono essere prescritte una serie di terapie aggiuntive. Per esempio, Spark Wave è una procedura che stimola la rigenerazione del tessuto danneggiato e riduce il processo infiammatorio all’interno dell’articolazione.

Sicurezza della terapia con cellule staminali nel trattamento della gotta

Sebbene l’uso di cellule staminali embrionali e fetali susciti ancora molte preoccupazioni legate alla loro attività potenzialmente sfavorevole nel corpo del paziente, è stato ripetutamente dimostrato che le cellule staminali mesenchimali sono sicure anche quando sono state usate cellule di donatori. Le MSC sono un tipo di cellule staminali adulte prelevate dal tessuto adiposo o osseo (proprio del paziente o donato), così come dai tessuti della placenta donata dopo un parto sano. Oltre a garantire la sicurezza, questo risolve anche una questione etica.

Ci sono effetti collaterali?

Per quanto riguarda i possibili effetti collaterali della terapia con cellule staminali per la gotta, questi includono i tipici rischi associati a qualsiasi procedura medica, come il rossore locale nella zona dell’iniezione. In rari casi (meno del 5%), si verifica una febbre di breve durata dopo la procedura, che si risolve autonomamente. Inoltre, può manifestarsi una lieve stanchezza, per cui si raccomanda il riposo per i primi giorni dopo il trattamento.

In generale, secondo la ricerca e la nostra esperienza clinica, la terapia con cellule staminali non comporta rischi aggiuntivi rispetto ai metodi convenzionali di trattamento, a condizione che il protocollo sia seguito e sia eseguito da specialisti qualificati, utilizzando un certo tipo di cellule (MSC).

Come accedere al programma di terapia con cellule staminali

Per saperne di più sul programma di trattamento e sui possibili risultati della terapia con cellule staminali per la gotta, puoi contattarci per parlare online con il nostro consulente medico. Ti verranno poste diverse domande e, dopo che il tuo caso sarà stato valutato dai medici della clinica, verrai informato su un possibile piano di trattamento, sul suo costo e sulla sua durata.

Clinica di terapia con cellule staminali. Sistemazione presso Swiss Medica.

Ci occupiamo dell’organizzazione del processo di trattamento, da qualunque luogo provenga il paziente. Questo include l’assistenza per il visto, il trasferimento dall’aeroporto o dalla stazione ferroviaria, i servizi di interpretariato, la sistemazione in una camera privata (consentito con un parente o un accompagnatore), i pasti e l’assistenza medica 24/7 durante il trattamento.

Invia una richiesta

Contattaci per conoscere i risultati previsti del trattamento, il suo costo e la sua durata.

Dr. Aleksandra Fetyukhina, MD

Medical Advisor, Swiss Medica doctor


Potrebbe interessarti anche

Articolo
Video

We use cookies on our site to ensure that we give you the best browsing experience. By continuing to browse the site, you agree to this use. For more information on how we use cookies, see our Cookie Policy and Privacy Policy.

Got it